04 mag 2011

Digital media: le applicazioni iPad penetrano il settore

Il mercato dei media digitali sta registrando negli ultimi anni una costante crescita sia di fatturato (settore trainante delle applicazioni per iPad e iPhone) che dei fruitori dei servizi in mobilità che stanno cambiando le loro abitudini proprio a favore di queste nuove tecnologie.
  • Il settore media 
Il settore media può essere rappresentato con uno schema a cipolla. Nella figura sottostante, sono stato inserito al centro, i media in senso stretto tra cui l’Internet TV (IPTV, OTT TV) e mobile (iPhone, iPad, Tablet e Smartphone Android); andando verso l’esterno il Digital Signage (soluzioni interattive) e tutto ciò che rientra nella categoria entertainment.
  • Settore media: digitale e non digitale
Il settore dei media negli ultimi anni ha registrato una crescita del 3,6% rispetto al 2009 in cui il dato era negativo pari al -10%. 
Secondo una ricerca condotta dal Politecnico di Milano il settore media digitale è in trend positivo con un +10% nel fatturato in milioni di euro rispetto al settore media non digitale con solo il +1%.

Dalla stessa analisi un dato confortante è confermato dal grafico sottostante che spiega in percentuale il peso dei media digitali, in costante crescita, rispetto ai media non digitali.
  • Settore media digitale: dispositivi e applicazioni per la fruizione in mobilità
Un’attenzione particolare va al mercato dei dispositivi iPhone, iPad, Smartphone e Tablet Android e lo sviluppo delle applicazioni (oltre 700 mila), create ad hoc per offrire vecchi e nuovi servizi per gli utenti in mobilità. 
Importante per questa categoria di prodotti è che per l’anno 2011si prevede un incremento di sviluppo di applicazioni per iPad (+20%) e per Applicazioni Android (+29%) rispetto a quelle per iPhone. 
Per spiegare meglio i motivi di questo nuovo trend è importante considerare l’utilità connessa a questi nuovi dispositivi che permettono una fruizione in mobilità di servizi che prima potevano essere offerti solo in modalità offline (es. giornale). Adesso il giornale è possibile leggerlo in qualsiasi momento, tutto o in parte, in modalità on demand e senza sporcarsi le mani di petrolio (ecosotenibilità); servizi ai quali l’iPad e simili si prestano meglio.

Inoltre dal punto di vista economico, l’incremento dello sviluppo delle applicazioni per Tablet Android e iPad rispetto a quelle per Smartphone e iPhone in generale, è dato non solo dal crescente numero di utilizzatori ma anche dal fatto che i tempi di utilizzo delle applicazioni per iPAD, sono circa 2,2 volte più elevati rispetto ai tempi di utilizzo di quelle per iPhone. Quindi anche se più costose queste applicazioni vengono interpretate come un investimento e non esclusivamente come un costo.

Un esempio è dato dall’app “USA Today” di Mercury Intermedia per iPad che con i suoi 50.000 utenti mensili può generare profitti annuali per oltre 2 milioni di dollari.
  • Alcuni dati su applicazioni iPad per l’editoria 
Riguardo il settore delle applicazioni iPad per l’editoria, i ricercatori del politecnico di Milano hanno calcolato che:
  1.  Di 1.182 property totali censite (testate editoriali, canali tv e radio), solo il 5% delle property dispone di un'applicazione iPad (dati gennaio 2011).
  2.  Il 5% equivale a 57 applicazioni legate ad una property specifica delle 126 censite per il settore dell’editoria tradizionale cioè il 46%.
  3.  Di questo 46% inoltre nella quasi totalità dei casi, si fa riferimento a editori di carta stampata (quotidiani e periodici).
I dati emersi lasciano solo intendere dei trend positivi e in crescita nel mercato delle applicazioni su iPad per il settore dell’editoria.
Il fenomeno quindi è solo agli albori.

Se ti piace questo post ti basta un click per condividerlo
Condividi su Google Plus Vota su OKNotizie

Nessun commento:

Post più popolari

ARCHIVIO POST